Vai al contenuto

Tra due fuochi

Clicca sul tasto Play per ascoltare l'articolo

E’ stupefacente sapere che c’è ancora qualcuno che non ha capito come finiranno le elezioni del Presidente della Repubblica.

Draghi o principesse, nani o ballerine: in realtà non è nemmeno così importante sapere chi alla fine sarà eletto. Perché la sceneggiata in atto in Parlamento ha un solo scopo: dare il via a quelle riforme della Costituzione la cui strada è stata spianata dalla sistematica violazione dei diritti e delle libertà fondamentali perpetrata in nome e per conto degli interessi globalisti e transumanisti che si celano dietro la gestione politica del Covid, con la complicità di buona parte dei politici, dei giornalisti e dei magistrati italiani.

Non dovrebbe volerci molto a capirlo; eppure c’è ancora chi si pone dubbi e interrogativi angosciosi, e forse per questo compassionevoli, ma sicuramente tardivi e inadeguati.

Si tratta, per fare un esempio, di quei soggetti che realizzano solo ora – e cioè dopo che il Governo ha gettato alle ortiche ogni residuo pudore e l’ha annunciato pubblicamente – che il Green Pass permarrà oltre la fine dell’emergenza sanitaria per acquisire durata illimitata: cosa che non corrisponde esattamente ad un premio di fidelizzazione del vaccinato, quanto al modo per vincolare il resto dell’esistenza terrena al possesso e all’utilizzo di questo odioso strumento di discriminazione.

O di quei soggetti che guardano con soddisfazione le televisioni cosiddette indipendenti che danno spazio e voce alle forme di dissenso istituzionalizzato, la cui visibilità cresce – magari mediante rubriche e programmi autofinanziati – in maniera direttamente proporzionale all’ambizione più o meno dichiarata di farsi assorbire dal sistema che apparentemente contestano: perpetuando così l’autoreferenzialità delle logiche che hanno condotto alla deriva odierna.

O di quei soggetti che aderiscono con entusiasmo alle iniziative di apparente “resistenza” promosse (spesso a pagamento) da quegli stessi personaggi che, non più di tre mesi fa, hanno fatto di tutto per sabotare pubblicamente l’unica iniziativa civile e democratica che avrebbe permesso agli italiani, oggi, di arginare la deriva in atto, e cioè il Referendum contro il Green Pass.

O, tanto per restare in tema di referendum, di quei soggetti che andranno a votare “sì” al referendum sull’eutanasia, ubriacandosi di parole abusate (libertà, civiltà, progresso, ecc.) senza capire che, quando la legge sull’eutanasia sarà introdotta nel nostro ordinamento, quella legge imporrà la morte, e non la libertà. Cosa che del resto fa perfettamente scopa con la gestione terroristica del Covid, che in diversi Paesi, come l’Italia, ha legittimato il ricorso a scelte di fine vita e di accesso selettivo alle cure sanitarie.

Niente da dire, siamo proprio tra due fuochi.