Vai al contenuto

Colpo di stato in Myanmar. Governo tecnico in Italia.

Clicca sul tasto Play per ascoltare l'articolo

Colpo di stato in Myanmar. Una volta, prima degli tsunami, dei femminicidi e del Covid (in quest’ordine), sarebbe stata una notizia come questa a tenere banco.

Oggi, invece, l’eco del golpe è veicolata dalle immagini di un’insegnante di aerobica che fa lezione on line giusto giusto nel momento in cui i militari birmani attuano il loro pronunciamento, sfilando alle spalle dell’inconsapevole (ma sarà poi vero?) cultrice del fitness.

Colpi di stato a parte, non so se avete notato anche voi l’escalation di notizie di cronaca nera rimbalzate e ingigantite dai media in questi giorni di edulcorata crisi di governo: la ragazza di Minervino uccisa dall’ex, l’uomo gambizzato alla Romanina, la donna morta di parto a Palermo, il bambino ucciso dal padre extracomunitario a Castel Volturno, e tanti altri.

Sicuramente più di due al giorno. Per carità, i casi di cronaca saranno infinitamente di più, in un Paese di 60 milioni di abitanti. Ma la domanda è: perché se ne parla così tanto?

Per mettere in pratica il vecchio adagio panem et circences, dove la cronaca nera prende il posto dei leoni e dei cristiani che duemila anni fa intrattenevano i romani assiepati lungo gli spalti del Colosseo? Per veicolare notizie come quella di “Bassetti minacciato dai no-vax: il virologo finisce sotto scorta”, dove gli anarco-negazionisti arrivano a minacciare il nocciolo duro dell’intellighenzia scientifica italiana? Oppure per distrarre gli italiani da una crisi di governo pianificata a tavolino, dove i soliti protagonisti – librandosi ineffabili al di sopra della testa degli elettori (scusate, m’è scappato, volevo dire dei sudditi) – finiscono per passare il testimone all’Uomo Forte? (come avevamo previsto 11 mesi fa).

E finalmente il Covid ha presentato il conto. Evviva il governo tecnico!